Disturbi e sport invernali (25.01.2022)

    Avventurarsi nella natura e contemplarne la bellezza, sfuggire alla folla, cercare la pace e la tranquillità: queste sono le ragioni per cui sempre più svizzeri provano nuovi sport lontano dalle stazioni sciistiche in inverno. È importante ricordare che godere della natura significa condividere gli spazi aperti con la fauna locale, che deve essere rispettata proteggendola con semplici regole.

    La crescente popolarità dello scialpinismo ha un forte impatto sull’avifauna, come per questa Pernice bianca: il disturbo causato può avere gravi conseguenze per la sopravvivenza delle specie di montagna.
    La crescente popolarità dello scialpinismo ha un forte impatto sull’avifauna, come per questa Pernice bianca: il disturbo causato può avere gravi conseguenze per la sopravvivenza delle specie di montagna.
    Foto © Martin Meier Immagine in qualità di stampa
    Il Fagiano di monte sta già pagando un prezzo pesante per le infrastrutture invernali: nel Vallese, per esempio, solo un quarto del suo habitat invernale non è disturbato dagli sport invernali.
    Il Fagiano di monte sta già pagando un prezzo pesante per le infrastrutture invernali: nel Vallese, per esempio, solo un quarto del suo habitat invernale non è disturbato dagli sport invernali.
    Foto © Olivier Born Immagine in qualità di stampa
    L’utilizzo gratuito è consentito solo nell'ambito di questo comunicato stampa e con la citazione corretta dell'autore.

    Sempach. – Le attività in montagna stanno cambiando: sempre più persone praticano lo sci fuori pista, le racchette da neve e lo scialpinismo. Il sovraffollamento di certe stazioni e percorsi sciistici, così come il fascino dell'avventura e della libertà, stanno portando le persone ad esplorare nuovi percorsi ed aree che prima erano incontaminate.

    Questa espansione non è senza conseguenze per la fauna, che cerca di sopravvivere alle dure condizioni dell'inverno svizzero. In questo periodo dell'anno il cibo è scarso e spesso poco nutriente. Le giornate sono brevi e offrono poche opportunità di nutrirsi. Mantenere una temperatura corporea sufficiente richiede molta energia. Il risparmio energetico è quindi una questione di vita o di morte per le specie di montagna per le quali la conservazione è prioritaria, come il Fagiano di monte, il Gallo cedrone e la Pernice bianca.

    Se disturbati dal passaggio di sciatori o escursionisti, gli animali sprecano energia fuggendo o tempo prezioso interrompendo la loro ricerca di cibo. Inoltre, lo stress aumenta i livelli di cortisolo, il quale può influenzare il successo della riproduzione. L’impatto di queste perturbazioni non è sempre evidente: spesso gli uccelli sono disturbati già prima di volare via.

    Per godere della natura rispettando gli uccelli, si consiglia di rispettare le zone di tranquillità, rimanere sui sentieri segnalati, mantenere la distanza dagli uccelli e tenere i cani al guinzaglio.

    Quattro regole per più natura

    Praticare gli sport sulla neve in modo da rispettare la biodiversità:

    • rispettare le zone di tranquillità e i siti di protezione della fauna selvatica
    • rimanere sui sentieri segnati e seguire i percorsi raccomandati
    • evitare i bordi del bosco e le zone non coperte dalla neve
    • tenere i cani al guinzaglio

    Più informazioni:

    www.natur-freizeit.ch/sport-invernali-e-rispetto

    www.vogelwarte.ch/it/atlas/focus/nel-paese-delle-opportunita-di-svago-illimitate

     

    Zone di tranquillità e aree protette

    Molte specie hanno bisogno di aree sufficientemente grandi per trovare riparo e alimentarsi. Le zone di tranquillità e le aree protette sono importanti zone di rifugio per gli uccelli. Non devono quindi essere usate, o solo a certe condizioni, per attività ricreative. Le aree protette includono parchi nazionali, riserve per gli uccelli acquatici e migratori, riserve forestali e le bandite cantonali e federali di caccia. Lo sviluppo di questi strumenti e il rispetto delle regole applicabili sono essenziali per preservare l'avifauna svizzera.

    Più informazioni: www.zone-di-tranquillita.ch/

     

    Altre informazioni

    Arno Schneider
    Stazione ornitologica svizzera – Antenna ticinese
    6594 Contone
    Tel. 091 840 12 91
    info.ti@vogelwarte.ch

    Comunicato stampa