Novità per i media
    Ritornare

    L’atlante degli uccelli nidificanti 2013–2016 mostra vincenti e perdenti (10.12.2015)

    Mentre il luì verdastro ha nidificato quest’anno per la prima volta in Svizzera, la speranza che l’averla capirossa o che il chiurlo maggiore si mantengano come nidificanti diminuisce sensibilmente. La comparsa di una nuova specie nidificante nel nostro paese è una buona notizia, così come è però allarmante la scomparsa di specie un tempo diffuse.

    Questo giovane luì verdastro è uno dei primi della sua specie a essere nato in Svizzera. La fine barra chiara presente sull’ala lo differenza dal molto simile luì piccolo, suo cugino da noi molto diffuso.
    Questo giovane luì verdastro è uno dei primi della sua specie a essere nato in Svizzera. La fine barra chiara presente sull’ala lo differenza dal molto simile luì piccolo, suo cugino da noi molto diffuso.
    foto © Lionel Maumary Immagine in qualità di stampa
    L’ultima nidificazione conosciuta dell’averla capirossa in Svizzera è del 2009.
    L’ultima nidificazione conosciuta dell’averla capirossa in Svizzera è del 2009.
    foto © Mathias Schäf Immagine in qualità di stampa
    L’utilizzo gratuito è consentito solo nell'ambito di questo comunicato stampa e con la citazione corretta dell'autore.

    Sempach. – Il 20 giugno, l'ornitologo Fabian Schneider ha scoperto un luì verdastro in canto nelle Prealpi vodesi. Tre settimane più tardi, il suo collega Lionel Maumary ha confermato questa sensazionale notizia ornitologica. La presenza di due adulti con sei giovani ha dimostrato che il luì verdastro ha nidificato in Svizzera per la prima volta. Questo piccolo insettivoro, parente stretto del nostro luì piccolo, è originario della Russia e dell’Asia centrale.

    Questa non è la prima nuova specie nidificante scoperta dall’inizio dei lavori per l’atlante 2013–2016. Come nel caso del luì verdastro, questi eventi sono legati all'espansione della specie.

    Pertanto, questo nuovo arrivo e un numero di specie in aumento sono notizie rallegranti: sono solo però una faccia della medaglia. I lavori ancora in corso del nuovo atlante della Stazione ornitologica di Sempach hanno già rivelato che molte specie un tempo largamente diffuse oggi non nidificano più nel nostro paese. La scomparsa dei grandi frutteti ad alto fusto ha comportato anche quella dell’averla capirossa. Specie che necessita di zone umide di grande estensione e prive di disturbi, il chiurlo maggiore si può ora vedere in Svizzera solo durante la migrazione o quando vi passa l’inverno. Le due specie non hanno più nidificato nel nostro dall'inizio dei lavori per l’atlante.

    «La scomparsa di specie di uccelli riflette la regressione lenta ma certa della biodiversità in Svizzera. Un solo nuovo nidificante non cambia niente, per quanto sia rallegrante,» riassume Peter Knaus della Stazione ornitologica. Questi cambiamenti mostrano bene quanto sia importante il nuovo atlante degli uccelli nidificanti 2013–2016, che metterà in evidenza il modo nel quale la natura evolve intorno a noi.

    Atlante degli uccelli nidificanti 2013–2016: censimento delle specie nidificanti
    Dal 2013 al 2016, la Stazione ornitologica di Sempach stabilisce quali specie di uccelli nidificano, dove e con quali abbondanze in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein. L’obiettivo di questo censimento è quello di ottenere una vista d’insieme dello stato dell’avifauna e i cambiamenti avvenuti dall’atlante precedente di 20 anni fa. L’atlante degli uccelli nidificanti 2013–2016 rivelerà anche le specie e le regioni per le quali le misure di conservazione sono più necessarie.
    www.vogelwarte.ch/atlas