Nuove basi per la protezione degli uccelli e della natura (11.04.2013)

    Questo fine settimana inizia il monitoraggio nell’ambito dell’Atlante degli uccelli nidificanti in Svizzera. Alla Stazione ornitologica svizzera di Sempach fervono i preparativi per questo progetto. I risultati ci diranno come se la passa attualmente la nostra avifauna. La situazione del mondo degli uccelli riflette lo stato della biodiversità e del paesaggio intero.


    Foto © Pascal Rapin Immagine in qualità di stampa

    Foto © Stefan Rieben Immagine in qualità di stampa
    L’utilizzo gratuito è consentito solo nell'ambito di questo comunicato stampa e con la citazione corretta dell'autore.

    Sempach. – Nei prossimi quattro anni, la Stazione ornitologica svizzera di Sempach, coadiuvata da oltre un migliaio di volontari, seguirà con una precisione senza precedenti, la presenza delle specie di uccelli in Svizzera e nel Liechtenstein. I preparativi per la grande comunità fervono in modo intenso. Il nuovo atlante fornirà informazioni uniche per la frequenza regionale di specie comuni come Cinciallegra, ma anche di uccelli rari come l’Allodola.

    Gli uccelli hanno bisogno di una vasta gamma di habitat con il cibo sufficiente e idonei siti di nidificazione. Se un paesaggio non può soddisfare le esigenze di una specie questa scomparirà. La situazione degli uccelli nidificanti è quindi un riflesso del cambiamento di tutta la natura e il paesaggio. L'Allodola nidificava fino a pochi anni fa in tutto l’Altipiano e in Ticino nel Piano di Magadino. Con la perdita di habitat gli effettivi sono crollati.

    Il censimento degli uccelli darà una panoramica dei 200 uccelli nidificanti locali, dalla specie più rara, il Gipeto, fino alla più comune, il Fringuello. Questa ricerca identificherà hotspot di biodiversità e mostrerà in quali aree e per quali specie sono più necessarie misure di conservazione. Questa ricerca servirà quindi come base per la conservazione degli uccelli e della natura.

    I cambiamenti climatici potrebbero far sì che una specie mediterranea come il Gruccione accresca i suoi effettivi in Svizzera ma anche determinare un sensibile calo di specie alpine come la Pernice bianca, che dovrà spostarsi sempre più in alto oltre il limite superiore del territorio disponibile. Già nel 1990, indagini approfondite sono state effettuate, l’attuale ricerca mostrerà quanto i cambiamenti climatici hanno già colpito i nostri uccelli.

    Altre informazioni

    http://atlas.vogelwarte.ch

    Peter Knaus
    Stazione ornitologica svizzera
    6204 Sempach
    Tel. 041 462 97 32
    atlas@vogelwarte.ch

    Roberto Lardelli
    roberto.lardelli@vogelwarte.ch