Saluti dal Sud (02.06.2022)

    Il periodo della migrazione è ormai alle spalle e il concerto mattutino degli uccelli diminuisce notevolmente. Tuttavia, è ancora possibile fare osservazioni interessanti a giugno. Negli ultimi anni, ad esempio, il raro Nibbio bianco è apparso in numero sempre maggiore in Svizzera, come documentato dalla Stazione ornitologica svizzera nel suo rapporto annuale sulla situazione dell'avifauna svizzera.

    Il Nibbio bianco è grande come un Gheppio e si distingue per la parte inferiore bianca, la parte superiore grigia e gli occhi color ambra. Questo magnifico uccello era un tempo un ospite raro, ma oggi è possibile vederlo ogni anno in Svizzera.
    Il Nibbio bianco è grande come un Gheppio e si distingue per la parte inferiore bianca, la parte superiore grigia e gli occhi color ambra. Questo magnifico uccello era un tempo un ospite raro, ma oggi è possibile vederlo ogni anno in Svizzera.
    Foto © Ralph Martin Immagine in qualità di stampa
    In volo, il Nibbio bianco si riconosce per le ali lunghe e la coda corta. Caratteristica è anche la macchia nera sull'ala.
    In volo, il Nibbio bianco si riconosce per le ali lunghe e la coda corta. Caratteristica è anche la macchia nera sull'ala.
    Foto © Mathias Schäf Immagine in qualità di stampa
    L’utilizzo gratuito è consentito solo nell'ambito di questo comunicato stampa e con la citazione corretta dell'autore.

    Sempach. – A prima vista potrebbe essere scambiato per un gabbiano, se non fosse per il suo caratteristico volo stazionario a “spirito santo” in cerca di topi o per la sua posa in cima agli alberi: si tratta infatti del Nibbio bianco. Il piumaggio bianco sotto, grigio-azzurro sopra e gli occhi color ambra ne fanno uno spettacolo superbo. Sebbene il suo nome faccia riferimento ai cugini nibbi, le sue dimensioni sono più piccole, paragonabili a quelle di un Gheppio.

    Il Nibbio bianco si riproduce soprattutto in Africa e in Asia. In Europa si riproduce solo nella penisola iberica e nella Francia occidentale. Osservato per la prima volta in Svizzera nel 1990, la sua presenza è rimasta rara fino al 2010, con solo sette segnalazioni. Da allora i numeri sono esplosi: dal 2014 è stato avvistato ogni anno in Svizzera. Negli ultimi due anni, il Nibbio bianco è stato avvistato almeno 18 volte in Svizzera.

    L'espansione della specie in Spagna e Portogallo si spiega con il fatto che il Nibbio bianco trova habitat simili a savane con molti topi. Da lì si sta lentamente diffondendo verso nord-ovest. Non nidifica ancora in Svizzera, ma non si può escludere che si stabilisca anche qui. Che si tratti di un futuro riproduttore o di un visitatore abituale, il Nibbio bianco è uno dei preferiti dagli appassionati di birdwatching all'avvicinarsi dell'estate.

    Situazione dell'avifauna in Svizzera
    Ogni anno la Stazione ornitologica svizzera riassume gli ultimi sviluppi dell'avifauna e li pubblica sotto forma di rapporto: www.vogelwarte.ch/situazione

    Altri risultati:
    1. Alcune specie riproduttive dei terreni agricoli beneficiano di misure di promozione della biodiversità e sono state in grado di recuperare il loro numero. Ci sono ancora perdite dovute all'agricoltura intensiva.
    2. Nei poligoni di tiro dell'esercito, le specie di uccelli che apprezzano gli habitat aperti, i biotopi delle zone umide, le siepi e i terreni agricoli estensivi sono sovrarappresentate rispetto alla media.
    3. Al 1° gennaio 2022 sono stati contati 430.000 uccelli acquatici, un numero pari a quello del 1970. Il numero di specie comuni in inverno, come la Moretta, il Moriglione e il Germano reale, è in calo.

     

    Fonte
    Knaus, P., T. Sattler, H. Schmid, N. Strebel & B. Volet (2022): Stato dell’avifauna svizzera: rapporto 2022. Stazione ornitologica svizzera, Sempach.

    Altre informazioni

    Arno Schneider
    Stazione ornitologica svizzera – Antenna ticinese
    Via Chiossascio 6
    6594 Contone
    Tel. 091 840 12 91
    info.ti@vogelwarte.ch

     

    Nibbio bianco

    Comunicato stampa