Chiudi

Swiss Bird Index SBI®

Gli uccelli sono considerati come dei buoni indicatori dell’evoluzione dei loro habitat e dell'ambiente. Tuttavia, dal momento che l'aumento o la diminuzione di una specie dipende generalmente da diversi fattori, è difficile trarre conclusioni generali sullo sviluppo del suo habitat. Gli indici che si basano sull’evoluzione di molte specie tuttavia permettono queste analisi. Aggiornato ogni anno, lo Swiss Bird Index SBI contiene un insieme di indicatori di questo tipo. Questo offre quindi dati importanti per le autorità e per le organizzazioni di protezione della natura.

Risultati

Gli Indici degli effettivi nidificanti per specie sono visibili in un quadro d’insieme e sotto Uccelli della Svizzera.

Lo Swiss Bird Index SBI è composto da un indice generale, che comprende tutte le specie che nidificano regolarmente in Svizzera. Inoltre, vari indici parziali sono calcolati sulla base di una selezione di specie. A tal fine, le specie vengono suddivise per habitat (bosco, zone umide/specchi e corsi d’acqua, habitat alpini, zone urbane)  e per interesse (Lista Rossa, specie prioritarie per la conservazione delle specie, responsabilità internazionale, specie faro e specie bersaglio degli Obiettivi ambientali Agricoltura), oppure secondo lo SBI® Climate Change (specie con diminuzioni o aumenti previsti in base ai cambiamenti climatici). Un completo quadro d’insieme su tutti gli indici combinati dello SBI può essere visualizzato qui. Una selezione dei risultati dello SBI viene discussa più approfonditamente nell’annuale Rapporto sulla situazione dell’avifauna. Tutti gli indici sono aggiornati annualmente.

L’indice globale e diversi indici parziali vengono riportati in diverse statistiche degli Uffici federali dell’ambiente, di statistica e dell’agricoltura. Inoltre, gli indici delle popolazioni riproduttive specifiche delle specie sono presi in considerazione nel calcolo degli indici europei delle specie e degli habitat.  

Cos'è lo Swiss Bird Index SBI?
Cos'è lo Swiss Bird Index SBI?

 

 

Metodologia

Il calcolo dello Swiss Bird Index SBI si basa sull'evoluzione della popolazione specifica della specie di uccelli che nidificano regolarmente. Per gli uccelli nidificanti diffusi, questo è calcolato dai risultati del progetto Monitoraggio degli uccelli nidificanti diffusi (MUNiD). Per le specie che sono rare in tutto il paese, quale indicatore della situazione degli effettivi, viene utilizzata la percentuale stimata di chilometri quadrati occupata. Le osservazioni occasionali raccolte dalle volontarie e dai volontari della Stazione ornitologica servono come base di dati. Nel caso di specie che sono rare in tutta la Svizzera ma comuni localmente, i dati di conteggio del Monitoraggio degli uccelli nidificanti diffusi e del Monitoraggio della biodiversità in Svizzera sono utilizzati in aggiunta alle osservazioni occasionali. L'aumento dell'attività di osservazione è preso in considerazione in queste analisi. Infine, gli indici di popolazione di specie molto rare e particolarmente ben monitorate si basano su dati di popolazione nazionali o regionali.


Per l'SBI, si prendono in considerazione le specie autoctone che hanno soddisfatto il criterio come specie riproduttrici regolari almeno una volta dal 1990 (riproduzione in 9 anni consecutivi su 10). Solo tre di queste specie (Balia dal collare, Passera d'Italia e Picchio dalmatino) non possono essere prese in considerazione a causa della mancanza di dati per stimare le tendenze della popolazione. Le tendenze della popolazione delle singole specie di uccelli sono riassunte negli indici SBI utilizzando un modello binomiale negativo (Korner et al. 2022). Oltre allo sviluppo riassunto in questo modo, i grafici a torta sono utilizzati per mostrare per i singoli gruppi quante specie sono apparse o scomparse dal 1990, quante sono chiaramente aumentate o diminuite, e quante specie non hanno mostrato una chiara tendenza. La procedura di classificazione in specie in aumento o in diminuzione è la seguente: Gli indici di popolazione nidificante specie-specifici (compresi gli errori standard) calcolati da una precedente fase vengono trasformati in log e analizzati con un modello lineare, con l'anno come variabile esplicativa. Il metodo di calcolo si basa sul principio delle meta-analisi. Le stime risultanti da un'analisi precedente, compresi gli errori standard associati, vengono sottoposte a una seconda analisi. Tali meta-analisi sono presenti in diverse applicazioni, si veda ad esempio la sezione 11.6.4. del libro del 2016 Applied hierarchical modelling in Ecology di Kéry & Royle. La popolazione di una specie è considerata in aumento o in diminuzione se la tendenza della popolazione risultante dalla meta-analisi è stimata come chiaramente differente da 0 (la pendenza di 0 non è inclusa nell'intervallo di confidenza del 95%). 

 

Responsabile di progetto

Nicolas StrebelSylvain Antoniazza

Partner

European Bird Census Council

Monitoraggio della biodiversità in Svizzera

Forum Biodiversità Svizzera

Pubblicazioni

Knaus, P., T. Sattler, H. Schmid, N. Strebel & B. Volet (2022):
Situazione dell’avifauna in Svizzera. Rapporto 2022.
Knaus, P., T. Sattler, H. Schmid, N. Strebel & B. Volet (2021):
Situazione dell'avifauna in Svizzera. Rapporto 2021.
Knaus, P., T. Sattler, H. Schmid, N. Strebel & B. Volet (2020):
Situazione dell'avifauna in Svizzera. Rapporto 2020.
Knaus, P., C. Müller, T. Sattler, H. Schmid, N. Strebel & B. Volet (2019):
Situazione dell'avifauna in Svizzera. Rapporto 2019.
Schmid, H., M. Kestenholz, P. Knaus, L. Rey & T. Sattler (2018):
Situazione dell'avifauna in Svizzera. Rapporto 2018.
Sattler, T., P. Knaus, H. Schmid & B. Volet (2017):
Situazione dell'avifauna in Svizzera. Rapporto 2017.
Sattler, T., P. Knaus, H. Schmid & B. Volet (2016):
Situazione dell'avifauna in Svizzera. Rapporto 2016.
Sattler, T., V. Keller, P. Knaus, H. Schmid & B. Volet (2015):
Situazione dell'avifauna in Svizzera. Rapporto 2015
Zbinden, N., R. Maggini, V. Keller & H. Schmid (2012):
SBI Bird Index SBI® Climate Change.